Questo sito usa cookies tecnici che aiutano Forumalessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina, clickando nei browser supportati in qualsiasi punto della pagina, o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Oggi è 20/05/2018, 10:45

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 18/01/2009, 1:51 
post tratto da http://appuntidiviaggio.iobloggo.com/ar ... hp?eid=348 copia-incollato da AleBlogAL

domenica, 07 settembre 2008, 13:57

Nell'ultimo anno abbiamo avuto a che fare con l'ospedale di Alessandria abbastanza da pensare che chi lo ha realizzato abbia qualcosa contro i malati, o almeno contro chi ha a che fare col reparto ortopedia.

No, un momento. Prima una precisazione: medici e infermieri sono stati probabilmente il meglio che potessimo chiedere. Se Laura può di nuovo dire di avere una caviglia sinistra, una tibia e un perone e non un mucchietto di briciole sparse, se in questi mesi ha potuto visitare Londra, New York e le Fiandre camminando sulle sue gambe, è soprattutto grazie a loro e al fisioterapista che l'ha seguita per tutta la riabilitazione (grazie Jack!!!).

Detto questo, quell'ospedale sembra pensato apposta per mettere in difficoltà chi ha problemi di deambulazione.

Le prime visite dopo il ricovero si tengono in sala gessi, che si trova immediatamente dietro al Pronto Soccorso MA non è ufficialmente raggiungibile attraversando il Pronto Soccorso, per cui ci sono tre alternative. La prima prevede che si implorino gli addetti dell'accettazione del Pronto Soccorso, e funziona bene se la persona che deve essere visitata si presenta in carrozzina (o -meno...- con le stampelle, e magari l'espressione da malatina terminale che m'ha contraddistinto per i 3 mesi successivi all'incidente, che aiuta sempre - ndL'). Le altre due alternative consistono nell'accedere all'ospedale dalle due entrate principali; il problema è semplice: pensando all'ospedale come a un quadrato, se la sala gessi si trova grossomodo a metà di un lato, i due ingressi sono collocati verso gli estremi opposti dei due lati adiacenti. Mettiamola così: per arrivarci, in entrambi i casi è necessario attraversare praticamente tutto il piano terra. E già qui ci si potrebbe iniziare a pensare che qualcosa non va, ma non è così semplice: infatti, per orientarsi viene fornita una semplice mappa dell'ospedale; peccato che questa mappa sia un po' troppo semplice, dato che vengono indicati sì i vari reparti, ma non i corridoi né un banalissimo "voi siete qui". Uno dice ok, sei nel reparto xyz, sulla mappa è indicato dove si trova, dovresti capire come sei messo. Certo, peccato che copo aver svoltato tre volte a destra e quattro a sinistra non so nemmeno più come diavolo sono orientato!

Insomma, il risultato è che alla fine ci si deve affidare a infermieri e medici, chiedendo loro da che parte si deve andare per raggiungere la sala gessi, e non credo sia la soluzione più pratica.

La (blando eufemismo) perplessità monta quando, giunti allo sportello di accettazione della sala gessi, si vede una simpatica porta che dà direttamente sulla strada. Peccato che tale porta sia inesorabilmente chiusa, oltre che in cima a una rampa di scale e per quanto mi ricordo - ma potrei sbagliarmi - senza nessuna facilitazione per disabili, quindi fondamentalmente INUTILE, anche e soprattutto per l'evacuazione in caso di emergenza. Perché? Perché, dico io?

Uno potrebbe pensare sia finita qui, e invece no. Già, perché allo sportello di accettazione (attenzione: se scriviamo sportello è perché ce n'è UNO, al quale abbiamo sempre trovato la stessa persona!) è normale fare una coda non indifferente. Be', ok, siamo in un ospedale, ci sono parecchie persone davanti a te, insomma potrebbe essere normale. Già, potrebbe esserlo se non fosse per il fatto che spesso davanti a te più della metà delle persone sono lì per prenotare una visita, non per farsi visitare, benché ci sia un comodo servizio telefonico che permette di svolgere questa attività senza perdere mezza giornata e senza farla perdere a chi è lì perché l'appuntamento l'ha già preso al telefono. A questo punto, i casi sono due: o ad Alessandria i malati sono tutti rimbambiti e si divertono a perdere il loro tempo, oppure è il caso di informarli MEGLIO della presenza di questo servizio telefonico. (mi dicono dalla regia che in effetti un avviso c'è, proprio allo sportello, quindi spezzo una lancia in favore dell'ospedale anche se mi viene da pensare che grazie, se uno è già lì allo sportello magari si dice che a questo punto tanto vale; mi viene anche da pensare che forse si potrebbe allestire uno sportello prenotazioni APPOSTA per chi non può, non vuole [non sa? boh...] telefonare, ma insomma fate qualcosa per chi ha anche reso più facile il VOSTRO lavoro prenotando per tempo).

Ma andiamo avanti.

Fatta la simpatica fila, arriva il nostro turno: diamo all'impiegato il foglietto con la prenotazione, lui ci fornisce un ticket e noi lo dobbiamo pagare. Ovviamente di fianco all'ingresso dell'ospedale. Quello di prima. Eccoci che riattraversiamo tutto il piano terra.

Cammina, cammina ("cammina"... dipende... - ndL'), si va allo sportello bancario per pagare il ticket. Cosa c'è di fianco allo sportello bancario? Uno sportello automatico per effettuare i pagamenti con bancomat, carte di credito e contanti.

Ma porca miseria, metterne uno anche in sala gessi no?

Ma proseguiamo, perché per alcune delle visite è necessario farsi fare delle radiografie. E dov'è il reparto radiologia? Ovviamente di fianco alla sala gessi, no?

No. Si trova a tremila milioni di parsec, dalla sala gessi. O almeno così dev'essere sembrato a Laura le volte che si è dovuta sparare, prima in carrozzina e poi con le stampelle, tutta quella sgambata. E ritorno, OVVIAMENTE, perché poi alla sala gessi ci devi pure tornare per farti visitare (e non dimentichiamo che 2999 milioni di quei 3000 milioni di parsec si snodano attraverso un corridoio labirintico delle dimensioni di un budello, dove NON passano contemporaneamente una carrozzina e una barella... M'è capitato di incrociarne una mentre sudavo anche l'animella per arrivare a fare le radiografie, armata delle mie prodi stampelle, e ho dovuto ovviamente fermarmi, farmi da parte e aspettare che la barella passasse. Tipo senso unico alternato, però con le bestemmie - ndL').

Le radiografie? No, le radiografie non devi ritirarle tu a un altro sportello e portartele dietro durante la visita. Quando viene chiamato in sala gessi per farti visitare, le radiografie sono già lì, non stampate ma gloriosamente visualizzate sul computer dell'ortopedico. Geniale no? Niente stampe inutili, niente attese, una condivisione di rete è sufficiente. Geniale. Ma possibile che siano arrivati a pensare 'sta furbata tecnologica dell'invio immediato delle radiografie da un reparto all'altro ma poi il processo accettazione-ticket-pagamento-radiografie sia degno delle 12 fatiche di Asterix?

Quindi, ricapitolando: entri dall'ingresso principale, attraversi l'ospedale (perdendoti e ritrovandoti un paio di volte), arrivi all'accettazione, prendi il numerello, fai la fila, ti fai dare il ticket, vai a pagare il ticket, torni all'accettazione col ticket pagato, ti fai fare la richiesta per le radiografie, vai in Radiologia a farti irradiare, torni all'accettazione e finalmente...

...Finalmente ti fai un'altra fila per essere visitato/a dall'ortopedico di turno, che in cinque minuti scarsi ti dice che va tutto bene, che il decorso sta andando perfettamente, e quasi ti dimentichi dell'incazzatura...

Un'ultima nota: le ultime due visite si sono svolte in una sede distaccata dell'ospedale, a un paio di isolati di distanza. Già, peccato che la trafila del numerello sia COMUNQUE prevista, ovviamente sempre allo stesso sportello alla benedetta sala gessi di cui sopra. Argh.


Top
   
 Oggetto del messaggio: prenotazioni telefoniche
MessaggioInviato: 18/01/2009, 1:53 
September 7 2008, 4:10 PM

si.. ci sono situazioni deliranti.. anche io ormai ho una bella esperienza.. anche se avendo tanti parenti (compresa la mamma che faceva l'infermiera) nel settore all'ospedale mi sento " a casa" e forse dovevo fare l'infermiere nella vita. ma questo è un altro discorso..

volevo dire.. che se qualcuno ha bisogno di prenotare telefonicamente e chiama il numero indicato anche sulle pagine gialle o la guida telefonica..

TROVA SEMPRE OCCUPATO...

è una cosa scandalosa.. veramente da denunciare..

così una volta sono andato di persona.. e gliel'ho detto in faccia..

che quel numero non serviva a nulla.


sapete che mi hanno risposto?

che è fatto così..

probabilmente è una impostazione del sistema telefonico (io non me ne intendo ma da "logico" posso capire)..


INSOMMA ARMATEVI DI SANTA PAZIENZA, DOTATEVI DI UN TELEFONO CON IL PULSANTE "R" E PROVATE A FARE IL NUMERO 1500 VOLTE DI SEGUITO...

VEDRETE CHE FUNZIONA...

davvero!...

è scandaloso ma è così.. purtroppo quano l'anno scorso ho dovuto fare della fisioterapia ho prenotato in questo modo..

telefoni, occupato, metti giù, ritelefoni, occupato, metti giù, ritelefoni, occupato, metti giù, ritelefoni, occupato, metti giù, ritelefoni, occupato, metti giù, ritelefoni, occupato, metti giù, ritelefoni, occupato, metti giù, ritelefoni, libero... DRIIIN...

FINCHE' FINALMENTE QUALCUNO RISPONDE !


Top
   
MessaggioInviato: 18/01/2009, 1:54 
Ciao Ale sono Marco, l'autore del post iniziale.
In tutta onestà devo dirti che io le prenotazioni per le (ahimé, parecchie) visite le ho sempre fatte telefonicamente. E' vero, c'è spesso occupato, ma ti posso assicurare che non ho mai dovuto aspettare più di qualche minuto prima di riuscire a prendere la linea.

Ora, la mia domanda è: meglio ritentare anche 1500 volte prima di riuscire a telefonare, o passare anche due ore in fila in ospedale? Non so tu, ma io voto per la prima opzione...

Ciao!


Top
   
 Oggetto del messaggio: ma certo..
MessaggioInviato: 18/01/2009, 1:55 
September 7 2008, 10:57 PM

ma certo che ti do ragione.. meglio provare 1500 volte a telefonare.. ma almeno sapere ceh funziona così.....

io invece le prime volte provavo a telefonare... una volta sola..

non mi rispondevano..

aspettavo..

non mi rispondevano...


e così via. riprovavo dopo un'ora.. due.. tre.. dopo un giorno...

alla fine ho desistito..

e ho chiesto info all'ospedale.. dove mi hanno detto "ehhh nooo lei doveva RI-provare a raffica.. una dietro l'altra.."


e così mi è semrbata una cosa così assurda..


ma non ci sono delle linee diverse, separate, un sistema telefonico per accodare le richieste.. ??

qualcosa del genere?^??


bohh..

mi sembrava così assurdo..


e così mi sono rassegnato..

(come te preferivo starmene a casa.)


e prova che ti riprova, senza avere il tasto R del telefono, ho imparato il numero a memoria..


e alla fine l'ho fatto per 20 minuti di seguito.. mi sono sentito charlie chaplin....


e alla fine mi hanno risposto....


ma non si può fare un sistema automatizzato diverso??

mah..

così scoraggi chiunque...

metti che uno non è sgamato...

ecco perchè poi ci sono le code allo sportello..

poveri vecchietti .. (ad esempio)

ciao


Top
   
MessaggioInviato: 18/01/2009, 1:56 
September 9 2008, 1:24 PM

ok le prenotazioni... le visite e tutto... io mi organizzo e cerco di non andare da sola, o di non mandare da solo chi ha problemi a camminare per patologie oppure età.

suppongo che comunque tutti nella vita hanno fato almeno un esame del sangue. per caso lo avete fatto al gardella? per caso siete ancora in coda con il numerino?


no, cioè, per sbrigarsi ad un ora decente devi essere lì alle sei e mezza del mattino a fare già la coda con gli altri che aspettano che arrivino le sette per prendere il numero... assurdo!

a me ben 2 volte è capitato di fare fila, passare in accettazione, fare di nuovo fila per arrivare a fare il prelievo ed una volta lì... ops, abiamo perso la richiesta... no, veramente... a quel punto mi scatta tutta la violenza possibile!
dai!!!

oppure a mia madre, per bene 3 volte, hanno dato gli esami di una poveretta piazzata veramente male, facendo venire così un infarto a mia mamma dalla paura e lasciando ignara una signora che pensava di avere ottimi esami!
per fortuma il giorno dopo ci siamo accorti dell'errore nell'intestazione e riportati gli esami ci è stato detto che tanto era uguale... cosa?!


Top
   
MessaggioInviato: 18/01/2009, 13:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 18/11/2008, 23:34
Messaggi: 36
Pensate un po': un mio caro amico lavora proprio al servizio prenotazioni visite dell'Ospedale di Alessandria, quello istituito ad aprile 2008. Chiederò a lui se ci sono problemi: il numero per prenotare è un numero verde e vi posso assicurare che ci sono sempre sempre quattro persone - ergo quattro linee - per volta a rispondere, lo so bene. Con turni dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 13.00 alle 17.00.
Se ha un po' di tempo inviterò a parlare lui stesso della cosa. Mi dispiace di questo inconveniente.


Top
   
MessaggioInviato: 18/01/2009, 16:30 
tieni conto che ho cpiatoincollato il thread dal vecchio forum anarchico di BlogAl.. quindi c'è da leggere le date dei post bene, ma una delucidazione non fa mai male.

spero il mio sia stato un caso.


Top
   
MessaggioInviato: 19/01/2009, 14:05 
ciao a tutti... sono fresca di ospedale, ma questa volta anche se purtroppo mia nonna non c'è più posso solo parlarne bene.
la nonna è entrata in ospedale venerdì, presumibilmente con un codice verde, perchè l'ambulanza non ha messo sirene e non era quella con medico ed infermiere (per carità, lì è il 118 che decide il codice in base a quello che dicono i parenti e magari nell'agitazione i miei possono non essersi spiegati bene e non aver spiegato bene la gravità della situazione). arrivata in pronto soccorso mia nonna ha aspettato almeno un'ora prima di essere visitata, ma poi i medici si sono dedicati a lei veramente anima e corpo... tante lastre, tante visite, tanti accorgimenti... l'hanno ricoverata in prima medicina, al quinto piano... ragazzi, un piano meraviglioso! infermiere disponibilissime, oss brave e preparate, l'ahho curata, lavata, ci hanno aiutato tanto. anche i medici, davvero bravi e premurosi. soprattutto un medico, molto giovane, ma preparato... ha cercato davvero di fare di tutto per fare riprendere mia nonna e ve lo giuro, l'ha fatto davvero con il cuore, non solo perchè è il suo mestiere, si vedeva palesemente. c'è rimasto dell'aggravarsi di mia nonna, l'ha seguita fino all'ultimo respiro...

vedete, l'ospedale è grande e si incontrano tanti problemi, tante persone... in alcuni reparti, come questo, LA PRIMA MEDICINA, 5°PIANO, le persone non sono solo personale sanitario, ma persone di cuore! medici che fanno il loro lavoro con amore e passione ed infermiere gentili e premurose.

è vero, mia nonna da ieri sera non c'è più, ma fino alla fine è stata accudita non solo da noi familiari, ma anche da personale medico preparato e veramente gentile.

colgo l'occasione per mandare un ultimo bacio e saluto a mia nonna... da oggi, come dice la mia nipotina, il cielo ha una stella in più.


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net