Questo sito usa cookies tecnici che aiutano Forumalessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina, clickando nei browser supportati in qualsiasi punto della pagina, o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Oggi è 21/11/2018, 3:42

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 16/05/2012, 21:45 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/12/2010, 15:45
Messaggi: 373
Orazio Messina

Elaborato n° 7 (8° classificato)

EL PIANTÓN AD NAPULIÓN
Ajó 'lšì la nutìsia che in famùš architët con in nòm ampusìbil, Daniel Libeskind, 'l è stàc incaricà 'd fè 'l prugèt del "Palàsi dl'Edilìsia", ch'il tireròn sü ans la strà dla Spinëta, daušén al piantón ad Napulión e, cabulònda ant u sìt da costruì, cùl architët furèst us è 'nnamurà 'd cùla piònta pénna 'd stòria.
Šà da tém ajàva fugnà ant l'Archìviu 'd Stàto e 'nt la Bibliutéca sìvica, ma ajàva truvà 'n bèl niénte, anzënna docümentasión e alùra ajàva lasà bùj la quistión. Ma adès, alšénda dl'architët ajó decìš ad cmensipiè tùrna 'l mé stüdi, andònda a parlè pròpi con l'interesà, el plàtan. piantón
Pòrca malùra, che maestušità... dadnòn a lü am sentiva pròpi in fónš, ma 'm són fàc curàgi e ajó dìc:
«Ciàu, rigénna del piònti, ajó sircà da tüc el pàrt del nutìsji ansüma a téi, ma ajó truvà 'n belèn, sta a vìghi che i Lisandrén is n'à šbàtu 'l bàli 'd téi...»
U són del ràmi e del fóji cünàji da 'n büfët ad vént us è trasfurmà ant 'na vùš cóuda e dùsa:
«At pénsi d'avéi rašón, ma méi a só d'ési ampurtònt ant el cór di Lisandrén... méi a són l'ünica piònta 'rmàša dna lónga léa 'd plàtani che da Lisòndria l'andàva a Maréngh, fàcia piantè a l'inìsi dl'otsént da Napulión an persónna... ajó dušént àni ans el gób e ant ist perìud a n'ó vìst ad cambiamént... 'na vòta ujéra nénta 'l tràfich ch'ujè adès... e anche la gént l'è pü cùla d'anlùra... gént ad tüc i tìpu... cùla elegònta ans el caròsi e ans i calès, ma an speciàl mòdo cùla pü ümila, i cuntadén, chi sercàvu sémper 'd truvè la quàdra per šbarchè u lunàri... che ognitònt, ans i carët, ans i biròc e magàri ònca a pé, i batìvu la tràta da la campàgna a Lisòndria per andè a fè mercà... per lùr, abituà a pasè tüta l'ešisténsa ant el paìš andónda ch'jéru nasì, l'éra 'na fèsta e in aventüra fè l'aviàgi fin'a Lisòndria!»
Per chìch secónd ajó ammàchi sentì el cònt del fóji, ma pó la vuš l'à arpià:
«Ajéra 'ncùra 'na pionténna quòndi ch'ajó asistì al batàji tra la puliséja e i brigònt dla Fraschëta... séns'àter at la cunòsi la Fraschëta, ma alùra l'éra 'na tèra buscùša e stagnùša tra Mandrògn, la Lìta, la Spinëta, Bòsch e i Füriaró, che per cùi brigònt 'l éra 'l pòst ideàl per ascóndsi... ònche perchè la gént la tnìva per lùr! U rè 'd cùi galantòm 'l éra Majén, ciamà Majén dla Spinëta o l'imperadùr dla Fraschëta, bén vìst, amà, pupurà dai pòver crìstu perchè i dìvu ch'al rübéisa ai rìch per angrasè i pòver... E antònt u témp al pasàva e méi a crësìva e a 'vghìva che 'l mónd antùrna a méi al cambiàva... quònt suldà ch'ajó vìst pasè, ad tüt el pàrt del mónd, a cavà, a pé, ans el camiunëti, armà an tüt el manéri...»
Dòp avéi tirà 'n bèl suspìr la vègia piònta l'a cuntinuà:
«Anvèrs a la fén dl'otsént ajó vìst pušè 'l rutàji di prìm tulón a vapùr Lisòndria–Sàl e Lisòndria–Mandrògn (ch'i andàvu a tutén e maglàsi), 'na rivolusión ch'l'à permetì a tüc i painàch d'avnì chì ancón pü fasilità... e pó tüt us è sémper pü trasfurmà, an speciàl mòdo a cavà ta 'l du guèri... fìna Bùrmia l'è cambiàja... la só àqua sçéta, da béivi dna vòta, l'è dventàja péš du giüs dla stàla... Adès im on sircundà ad strà, ch'ji ciàmu tangensiàl... a riés nénta abituèmi, del vòti im vénu di capstùrn, um vén fìna fastìdi... Ma adès ajó pü vója 'd parlè... làsmi ripušè, ch'a són vèg... ma vémmi a truvè quòndi ch'at n'ài vója... ajó 'ncùra tònta ròba da cüntèti...»
Am són uàrdà antùrn e ajó fisà 'l piantón ad Napulión che, surnión 'cmé 'n gàt, al fàva mùstra 'd drumì, am són spisiunà 'ns i bràs e ans el mòn... pòrca dna malùra... ajéra švìg dabón ajàva nénta sugnà!

Il piantone di Napoleone.
Ho letto la notizia che un famoso architetto con un nome impossibile, Daniel Libeskind, è stato incaricato di fare il progetto del "Palazzo dell'Edilizia", che lo tireranno su solla strada della Spinetta, vicino al piantone di Napoleone e, osservando nel sito da costruire, quell'architetto straniero si è innamorato di quella pianta piena di storia.
Già da tempo avevo frugato nell'Archivio di Stato e nella Biblioteca civica, ma non avevo trovato un bel niente, nessuna documentazione e allora avevo lasciato bollire la questione. Ma adesso, leggendo dell'architetto, ho deciso di cominciare di nuovo il mio studio, andando a parlare proprio con l'interessato, il platano.
Porca malora, che maestosità... davanti a lui mi sentivo proprio un fungo, ma mi sono fatto coraggio e gli ho detto:
«Ciao, regina della piante, ho cercato da tutte le parti delle notizie su di te, ma ho trovato un belino, sta a vedere che gli Alessandrini se ne sbattono le balle di te...»
Il suono dei rami e delle foglie cullate da un piccolo soffio di vento si è trasformato in una voce calda e dolce:
«Pensi di aver ragione, ma io so di essere importante nel cuore degli Alessandrini... io sono l'unica pianta rimasta di un lungo viale di platani che da Alessandria andava a Marengo, fatto piantare all'inizio dell'ottocento da Napoleone in pewrsona... ho duecento anni sul gobbo e in questo periodo ne ho viti di cambiamenti... una volta non c'era il traffico che c'è adesso... e anche la gente non è più quella d'allora... gente di tutti i tipi... quella elegante sulle carrozze e sui calessi, ma specialmente quella più umile, i contadini, che cercavano sempre di trovare la quadra per sbarcare il lunario... che ognitanto, sui carretti, sui barrocci e magari anche a piedi, battevano la tratta dalla campagna ad Alessandria per andare a fare mercato... per loro, abituati a passare tutta l'esistenza nel paese dove erano nati, era una festa ed un'avventura fare il viaggio fino ad Alessandria!»
Per qualche secondo ho solo sentito il canto delle foglie, ma poi la voce ha ripreso:
«Ero ancora una piantina quando che ho assistito alle battaglie tra la polizia ed i briganti della Fraschetta... senz'altro la conosci la Fraschetta, ma allora era una terra boscosa e stagnosa tra Mandrogne, la Litta, la Spinetta, Boscomarengo e Frugarolo, che per quei briganti era il posto ideale per nascondersi... anche perchè la gente teneva per loro! Il re di quei galantuomini era Maino, chiamato Maino della Spinetta o l'imperatore della Fraschetta, ben visto, amato, vezzeggiato dai poveri cristi perchè dicevano che rubasse ai ricchi per ingrassare i poveri... E intanto il tempo passava ed io crecesvo e vedevo che il mondo attorno a me cambiava... quanti soldati che ho visto passare... di tutte le parti del mondo, a cavallo, a piedi, sulle camionette, armati in tutte le maniere...»
Dopo aver tirato un bel sospiro la vecchia pianta ha continuato:
«Verso la fine dell'ottocento ho visto posare le rotaie dei primi tolloni a vapore Alessandria-Sale e Alessandria-Mandrogne (che andavano a tutoli e foglie di meliga), una rivoluzione che ha permesso a tutti i painacchi di venire qui con più facilità... e poi tutto si è sempre più trasformato, in special modo a cavallo tra le due guerre... fino Bormida è cambiata... la sua acqua schietta, da bere di una volta, è diventata peggio del succo di stalla... Adesso mi hanno circondato di strade, che le chiamano tangenziali... non riesco ad abituarmi, delle volte mi vengono dei capogiri, mi viene fino fastidio... Ma adesso non ho più voglia di parlare... lasciami riposare, che sono vecchio... ma vienimi a trovare quando ne hai voglia... ho ancora tanta roba da raccontarti...»
Mi sono guardato attorno ed ho fissato il piantone di Napoleone che, sornione come un gatto, faceva finta di dormire, mi sono pizzicato sulle braccia e sulle mani... porca di una malora... ero sveglio davverò, non avevo sognato !

---
concorso "A SUMA TÜC GAJÓUD" - 27 Aprile 2012 - Alessandria

Immagine

_________________
Immagine

ImmagineImmagineImmagine


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net