Questo sito usa cookies tecnici che aiutano Forumalessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina, clickando nei browser supportati in qualsiasi punto della pagina, o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Oggi è 21/11/2018, 3:42

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: PUMÉN E BERTÓN - di Orazio Messina
MessaggioInviato: 09/05/2012, 23:34 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 16/12/2010, 15:45
Messaggi: 373
Orazio Messina

Elaborato n° 3 (9° classificato)

PUMÉN E BERTÓN

Fònda in ešàm ad cusiénsa 'd tüt cùl ch'ajó fàc ant la vìta a büteréisa ònche l'avéi vivì e cunzì el mónd cuntadén; in mónd vèg... 'cmé 'l mónd, el mónd dna vòta, andónda che la pü tònta pàrt dla gént la travajàva la tèra, dai còmp pü gròs che Lisòndria a in fasultén ad tèra tacà a la casénna.
Ma chì am fèrm per ricurdè in epišòdi ligà a quòndi ch'ajéra cìt, ligà a la casénna, ligà a cùi pòch atrès agrìcul che, sustituì da tüc i machinàri d'adès che an campagna i fòn tüt da bèj'e sùl, i són stàc bütà an pensión e adès i són lugà an cùi mušéo ciamà "ui éra 'na vòta" e, an mèš a tüt, mé šìu, cuntadén, anventùr, müšicìsta, psicòlugh e atént cabuladùr du só témp. E pó 'na cùbia 'd bó: Pumén e Bertón che, pasiént, ciuendlònt e metòdich i tiràvu l'arà e i purtàvu tüc i racòlt da i còmp a la casénna. E pròpi lùr i són l'ugèt del mé ricòrd.
Ant la stagión dl'amsón ant in còmp luntòn chìch chilòmetro, mé šìu 'l àva acatastà da méister, 'cmé in architët i cuvón ad gròn che nujàter ai anfurcàvu per dèji a lü, ans la trabichéira, càr con in gròs pianàl e 'na stònga, tacàja au giógh ad Pumén e Bertón. Am n'avìš nénta tònt bén 'cmèla ch'la séa andàcia, ma 'l è capità che mé šìu um a dàc, a méi, da bèl'e sùl, el cómpit ad guidè i bó, ancón tüta la cària, dal còmp fìn'a la casénna. Che respunsabilità gròsa 'cmé 'na cà! Ma che urgój ch'ajàva, ansèma a cùl pò d'incusiénsa ch'jòn tüc i giùvun. Sgunfiòndmi 'cmé 'n pùl, am són piasà dadnòn al càr, ajó brancà la còrda e ajó guidà càr e bó fìna a cà... du ùri 'bundònti 'd camén. Am sentiva ša grònd! E quòndi ch'a són arivà ujéra mé šìu ch'um spiciàva e, con an bùca in surìš a trontadói dénc, um à gratificà ancón in bèl «Bravo!».
Dj'àni i n'a són pasà, e tònc, però del vòti um càpita 'ncùra 'd vìghi cuj ugión ümid, bón e pasiént ad Pumén e Bertón, che surnión im dìšu: «Uàrda che cùla vòta a sùma stàc nujàter a cunpagnèti fìna a ca!».

PUMEN E BERTON

Facendo un esame di coscienza di tutto quello che ho fatto nella vita, metterei anche l'aver vissuto e conosciuto il mondo contadino; un mondo vecchio... come il mondo, il mondo di una volta, dove che la maggior parte della gente lavorava la terra, dai campi più grossi che Alessandria ad un fazzolettino di terra attaccato alla cascina. Ma qui mi fermo per ricordare un episodio legato a quando che ero piccolo, legato alla cascina, legato a quei pochi attrezzi agricoli che, sostituiti da tutti i macchinari d'adesso che in campagna fanno tutto da bell'e soli, sono stati mandati in pensione e adesso sono rinchiusi in quei musei chiamati "c'era una volta" e, in mezzo a tutto, voglio ricordare mio zio, contadino, inventore, musicista, psicologo e attento osservatore dei suoi tempi. E poi una coppia di buoi, Pumen e Berton che, pazienti, ciondolanti e metodici tiravano l'aratro e portavano tutti i raccolti dai campi alla cascina. E proprio loro sono l'oggetto del mio ricordo.
Nella stagione della mietitura, in un campo lontano qualche chilometro, mio zio aveva accatastato da maestro, come un architetto, dei covoni di grano che noi inforcavamo per darli a lui sulla “trabichera”, carro con un grosso pianale ed una stanga, attaccata al giogo di Pumen e Berton. Non mi ricordo tanto bene come che sia andata, ma è capitato che mio zio mi ha dato, a me, da bell'e solo, il compito di guidare i buoi, con tutto il carico, dal campo fino alla cascina. Che responsabilità grossa come una casa! Ma che orgoglio che avevo, assieme a quel poco di incoscienza che hanno tutti i giovani. Gonfiandomi come un tacchino, mi sono piazzato davanti al carro, ho afferrato la corda e ho guidato carro e buoi fino a casa... due ore abbondanti di cammino. Mi sentivo già grande. E quando che sono arrivato c'era già mio zio che mi aspettava e, con un sorriso a trentadue denti, mi ha gratificato con un bel "Bravo"!
Degli anni ne sono passati, e tanti, però delle volte mi capita ancora di vedere quegli occhioni umidi, buoni e pazienti di Pumen e Berton che sornioni mi dicono: "Guarda che quella volta siamo stati noi ad accompagnarti fino a casa!"

---
concorso "A SUMA TÜC GAJÓUD" - 27 Aprile 2012 - Alessandria

Immagine

_________________
Immagine

ImmagineImmagineImmagine


Top
   
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net